Orientamento

In questi ultimi anni il concetto di orientamento scolastico ha subito modifiche sostanziali. Attualmente l’orientamento viene ad assumere connotati che travalicano i ristretti confini della scelta scolastica-professionale per far propri gli obiettivi di una riflessione psico-pedagogica attenta agli aspetti cognitivi affettivi e sociali della personalità degli alunni inseriti in contesti complessi. Progressivamente si è passati all’idea di orientamento inteso come processo continuo attraverso il quale l’alunno sviluppa capacità e competenze che gli permettono di essere un soggetto attivo, capace di scelte autonome e responsabili. Soprattutto la capacità decisionale, fondata sulla consapevolezza di sé e delle opportunità disponibili nel proprio contesto, è la condizione per effettuare scelte realistiche, in armonia con il proprio progetto di vita e il contesto sociale. L’orientamento dovrà essere inteso come processo formativo, attraverso il quale l’alunno sviluppa capacità e competenze trasversali che permettono al potenziale lavoratore di acquisire velocemente le abilità specifiche richieste dal mercato del lavoro. Il processo di orientamento, quindi, per sostenere gli alunni a raggiungere il pieno sviluppo della loro personalità e per contribuire al progresso della società, dovrà essere caratterizzato da “flessibilità”, “mobilità” e “globalizzazione”. Questo modello dinamico di orientamento, interno ai processi cognitivi educativi, richiede interventi di didattica meta-cognitiva, che avrà il compito di favorire connessioni tra abilità e competenze, al fine di facilitare il formarsi di reti concettuali su cui il soggetto impara a muoversi per recuperare le informazioni che gli servono e produrre ipotesi per agire. Di conseguenza, il nostro progetto di orientamento si sviluppa nell’arco del triennio coerentemente con le finalità formative sopra indicate. Al termine del percorso orientativo, per la scelta consapevole  dell’indirizzo di studi successivo alla scuola secondaria di primo grado, si prevedono:

  • presentazione del sito “Iter” e delle Scuole Secondarie di secondo grado a partire dalla
  • fine della seconda classe;
  • collaborazione con le Scuole Secondarie di secondo grado di Milano e provincia per incontri informativi presso la nostra sede;
  • consegna del giudizio orientativo formulato dall’intero Consiglio di Classe;
  • per gli alunni DVA, a secondo della disabilità, sono previsti dei colloqui con le famiglie e la Neuropsichiatria, oltre a visite della scuola con i docenti di sostegno ed eventuali educatori
  • per i genitori, si prevede un incontro informativo organizzato dall’Associazione ASSEMI;
  • sportello di consulenza aperto agli alunni ancora indecisi sulla scelta da compiere;
  • incontri informativi con artigiani e/o professionisti per illustrare le prospettive del
  • futuro lavoro.